Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

domenica 11 novembre 2012

Una passeggiata a Ostia. C'è Morandi.




l'entrata dell'Anco Marzio.
Le ambizioni e le necessità del momento chiedono a Ostia di essere “Stella Polare”. C’è molto lavoro da fare ,e la situazione di contorno non è certo incoraggiante. Ostia però riuscirà nel suo obiettivo.

Il campo sportivo dell’Ostia Mare, l’Anco Marzio,la domenica mattina ospita il Morandi. E’ una domenica  d’autunno. Fa freddo e piove. “kitsch” è la parola più adatta, “pappone”, “miscela esplosiva” .
Arrivo alle 10:30 circa, piove fortissimo a tratti si ferma, riprende e poi si calma ancora. A giocare ci sono i ragazzi dell’Ostia Mare classe 1999. Giovani speranze per una società con ambizioni di prestigio. Il risultato non è importante. Giardinetti è la squadra ospite che incassa un secco 3-1, come riferisce un genitore. L’atteggiamento dei ragazzi di casa è tipico delle compagini con ambizioni di alto rango, infatti a partita ormai finita continuano ad attaccare. “Ma stanno pareggiando?” chiedo dubbioso a un genitore.
“Oggi ci sta il Morandi” mi dice il gestore del bar, al quale chiedo “Ma chi sono gli ospiti” con tono sospetto. “La juniores nazionale gioca il sabato ieri ha pareggiato con il Civitavecchia –mi dicono dei ragazzi con indumenti dell’Ostia Mare- e la prima squadra gioca oggi pomeriggio a Civitavecchia”, aggiungono. Decido di andare via, ma con calma. La metro è efficiente ma non è una Ferrari. E 10-15 minuti bisogna aspettarli. La stazione Stella Polare è ben tenuta, ”certo che con un tre di bastoni in mano, non puoi perdere”  così si sente il personale di servizio scherzare tra loro. Comunicando allo stesso tempo però, l'atmosfera che si vive da queste parti. Ed E' proprio il caso di dire: "Si può dare di più".

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)
Salva

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento