Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

sabato 16 agosto 2014

~ Facebook non è gratis.


foto:wearesocial.it

Qualcuno ha da pagare!

Provate a inserire i codici della vostra carta di credito o di un comune

bancomat su face-book e completate la transazione. Vi accorgerete che quella carta è diventata proprietà di Zuckerberg. Infatti non è possibile eliminarla dai database se non inserendo un altro modo di pagamento. Traduzione: «Devi da pagare!». Unica soluzione cambiare carta.

Per quanto riguarda Google forse ci si riesce a eliminare la carta, ma vista la grande quantità di informazioni che vengono memorizzate sicuramente i costi relativi al vostro account saranno ammortizzati in altro modo. Se non altro grazie alla vastissima rete display “AdSense” a cui sono destinati gli annunci “AdWords”, il cui rendimento tra l’altro è minimale. Attività comunque indispensabili per un buon posizionamento sui motori di ricerca.
A detta di personaggi autorevoli in materia, sembra dunque che gli investimenti pubblicitari avranno sempre maggiore rilevanza anche per “BigG” per quanto riguarda le SERP(le pagine dei risultati di ricerca).
I contenuti sarebbero allora ancora più importanti di quanto già non lo siano adesso. Infatti in rete vige in generale la regola: «Content is the King».
L’importanza dei contenuti risiede nel fatto che la loro presenza nei web-server è per sempre. Anche nel caso un motore di ricerca non dovesse più esistere. E in passato è successo. Ad esempio a causa di qualcuno influente che non riesce ad essere primo nelle SERP. A quel punto allora tutti diranno che «Kong is the King». E lo scenario sarebbe ancora una volta tutto da ricostruire.

foto:corriere della sera.itfoto:corriere della sera.it

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)
Salva

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento