Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

sabato 12 settembre 2015

Calcio. Colantuono: “Mi aspetto grande Lazio” | Foto Sport Notizie



foto: todaysport.it
La Lazio si presenta alla seconda giornata di campionato con con qualche acciacco. Ma non ha risultati alternativi alla vittoria. Colantuono a ‘Radio Olympia’: “Non mi aspetto una Lazio in difficoltà”.

L’infortunio di De Vrij non è così grave come si pensava. E probabilmente sarà disponibile già per il 17 settembre prossimo contro il Dnipro o al peggio per il 20 contro il Napoli. Intanto Wesley Hoedt scalpita. e come riporta il ‘Corriere dello Sport’, contro l'Udinese, Pioli dovrà decidere chi tenere fuori tra Mauricio, Gentiletti e lo stesso Hoedt. Il brasiliano scenderà quasi sicuramente in campo dal 1' in quanto non potrà disputare l'incontro di giovedì in Europa League contro il Dnipro causa squalifica, si prospetta quindi un ballottaggio Hoedt - Gentiletti con il primo apparentemente favorito. L'attesa sembra finita, adesso tocca al classe '94 di Alkmaar dimostrare il suo valore.

Pioli pensa a Mauri per la trequarti e Matri per condurre le operazioni offensive. La Lazio riparte dall'Udinese, obiettivo dimenticare in fretta la sconfitta di Verona. Stefano Colantuono, in diretta su ’Radio Olympia’, presenta la sfida di domenica allo stadio Olimpico: "Non vedo e non mi aspetto una Lazio in difficoltà. La sconfitta contro il Chievo non significa nulla, spesso le partite prendono una strana piega ma con un episodio diverso magari il risultato poteva essere totalmente diverso. La Lazio non è in difficoltà. Mi aspetto una Lazio rabbiosa e vogliosa di riscatto, la squadra è piena di giocatori di alto livello”.

“Mancherà Biglia e qualche difensore, ma sono sicuro che con un po’ di pazienza anche Cataldi potrà diventare protagonista in quel ruolo. Poi nel reparto offensivo è una squadra fortissima. Felipe Anderson, Keita, Matri, Candreva e Mauri sono giocatori fortissimi. Mauri è un giocatore molto duttile, il suo legame con la squadra è molto forte e questo lo rende un punto di riferimento per ogni allenatore che arriva e nessuno ci rinuncia. Noi faremo la nostra partita, vogliamo continuare il lavoro dello scorso anno. Contro il Palermo abbiamo dominato la partita e sappiamo che il risultato è bugiardo. Cercheremo di giocare come sappiamo, con la consapevolezza che affrontiamo una grande squadra. Il nostro obiettivo è quello di giocare un buon calcio, cercare di arrivare alla salvezza quanto prima e soprattutto lanciare qualche giovane. Lo scorso anno finire nelle indagini della procura di Cremona per il calcio scommesse è stata una sciagura. Il mio nome non compare mai da nessuna parte, sono stato coinvolto per una sigla, un 'MR' riconducibile a mister. Me lo ha detto chiaramente il procuratore De Martino, il mio nome non compare da nessuna parte. Adesso mi dovrò difendere e vedremo come finirà". (lazionews24.com) (lazionews24.com)

di Foto Sport & Notizie (izerbesi@yahoo.it)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento