Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

martedì 8 settembre 2015

Calcio. Lazio. Cercasi leader per rialzarsi | Foto Sport Notizie



Sono tanti i protagonisti nella formazione biancoceleste. Ma nessuno finora è emerso a sufficienza per dare la scossa e far evaporare il brutto inizio di stagione .

Serve qualcuno in grado di mettere in riga i compagni. Qualcuno che veda le necessità del gruppo più delle normali e inevitabili esigenze personali. Adesso è il momento di mettere da parte i problemi. Bisogna fare quadrato e rimandare tutto a fine campionato. I 'big' da parte loro hanno ragione a volere di più, ma è anche vero che una conferma quest'anno è doverosa.

«Testa bassa, sguardo perso nel vuoto e zero carattere. E’ la fotografia emblematica dopo il 4 a 0 subito a Verona dal Chievo. Inutile girarci attorno alla Lazio serve un leader». Questa l’immagine proposta da Daniele Magliocchetti del ’Messaggero’ da relegare subito all'archivio. Fino adesso nessuno è riuscito a dare quella frustata necessaria per invertire la tendenza negativa di inizio stagione. Dopo l’addio di Stefano Mauri all’interno del gruppo è venuto a mancare il punto di riferimento, il ‘capitano’. Che nel caso del giocatore ‘brianzolo’ rappresentava l’elemento più anziano e di esperienza dello spogliatoio.

La questione ‘fascia di capitano’ non è stata simpatica e alla fine Pioli e forse Lotito stesso hanno individuato in Biglia l’erede migliore. Qualcuno dice per responsabilizzarlo e non lasciarlo alle sirene europee. Avere le valige pronte per contro però non gli permette di essere il condottiero e il leader che ci si aspetta. Klose il ‘freddo’, da parte sua con i giovani è molto apprensivo ed è sicuramente il modello da imitare, ma non ha le stimmate del capo vero. Riguardo Candreva qualche dubbio sulla sua ‘leadership’ c’è. Essendo dal punto di vista tecnico molto considerato, ma riguardo al carisma forse un po’ meno. Tutti sono in attesa peraltro di Anderson al momento non pervenuto. Avere il 10 sulle spalle è forse troppo pesante e come ad altri prima di lui non sta portando fortuna. In attesa magari di una condizione migliore. Ma lui ha i numeri per trascinare le aquile e li ha già fatti vedere, e la fiducia in lui è massima. Visto il marasma si attende anche la spinta dal 12esimo uomo che in queste situazioni è sempre stato in grado di fare la differenza. Domenica è l'occasione giusta per far sentire la presenza.

di Foto Sport & Notizie (izerbesi@yahoo.it)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento