Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

domenica 13 settembre 2015

Calcio. Mihajlovic: ”Balotelli ha perso 2hg e ½” | Foto Sport Notizie



foto: spazionapoli.it
Ieri in conferenza stampa Mihajlovic ha parlato del derby e del suo gruppo atteso dalla partita di cartello di questa terza giornata di campionato.

I derby dice, sono tutti uguali le differenze evidentemente dipendono dai luoghi: "Più o meno sono uguali, quando c'è partita. A Roma, almeno quando sono arrivato io, si parlava solo di quello. Mentalità provinciale, era meglio il derby dello Scudetto. A Milano si discute di meno, si dimentica più in fretta, per mentalità, per la gente che vive. A Belgrado è diverso, si va oltre, ne abbiamo vissute di ogni, cambia solo modo di affrontare. Partita perfetta per sbloccarsi, noi siamo nati per giocare queste partite. Quando smetti ti rimangono impresse queste partite, importanti ma con leggerezza, con la gioia di poterlo fare”.

Si parla poi degli uomini su cui ci le attenzioni maggiori, dei suoi passati e dell’amicizia con il tecnico nerazzurro: Balotelli? Non è un problema di peso, solo di massa grassa. Lui può diminuire e aumentare peso, perché aumenta massa. È dimagrito due etti e mezzo, in linea ma non troppo con le cose che abbiamo pensato. Io non rinnego il mio passato, adesso il presente si chiama Milan e io sono contento di essere qui. Il calcio è gioco, divertimento e sfottò. I tifosi hanno cantato e io ho partecipato. Ognuno la può vedere come vuole ma non mi preoccupa. Con Mancini siamo amici da più di vent'anni, abbiamo giocato contro anche da allenatori. Sono contento quando riesco a vincere. Sono orgoglioso di avere un amico così, se faccio questo lavoro è merito suo. Sono una persona riconoscente, è sempre un piacere trovarlo da avversario. Dovessi vincere pagherò, noi siamo gente fortunata ma c'è gente che scappa dalle guerre. Quando ci sentiamo non parliamo di calcio".

Ma adesso l’importante è la prossima gara: "Vincere un derby ti dà autostima, ma è una partita da tre punti. In questo momento è la gara più importante. Fra sette giorni sarà quella con il Palermo. Cerchiamo di prepararla come tutte le altre, con massima serenità, con tutto quello che c'è da fare in fase di non possesso. Sarebbe una grande gioia vincerlo. Nemmeno l'Inter ha fatto grandi partite, sia contro Atalanta che con Carpi ha vinto negli ultimi minuti. Dobbiamo pensare come se tempo non ci fosse più. Sono esigenti, capiscono di calcio, ma è normale, vincevano Scudetti e Champions. Quando le cose non vanno bene possono anche fischiare, noi dobbiamo trascinare i tifosi, non il contrario. Sono sicuro che ci appoggeranno, se una squadra si chiude dietro con la paura di sbagliare cercando di fare passaggi semplici si mostrano limiti che una squadra come la nostra non deve avere". (TuttoMercatoWeb.com)

di Foto Sport & Notizie (izerbesi@yahoo.it)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento