Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

sabato 6 febbraio 2016

Calcio. Ecco da dove vengono i soldi cinesi | Foto Sport Notizie

Guarin, Gervinho, Ramires, Jackson Martinez e Alex Texeira. Tanti denari, solo l’ultimo colpo vale 50 milioni. Dietro ci sarebbe un piano per il lancio del calcio con gli occhi a mandorla.

Con l’ufficialità del passaggio di Alex Texeira dallo Shakhtar Donetsk al Jiangsu Suning FC per la cifra record di 50 milioni di euro la Cina ha ufficialmente scoperto le carte. Una sessione di mercato, quest’ultima, che ha visto recarsi verso oriente nomi del calibro di Ramires, Gervinho, Elkeson e Jakson Martinez. Tutti trasferimenti definitivi e tutti a cifre – come riporta del resto anche il famoso portale ‘Transfermarkt’ – palesemente ben oltre i valori naturali del mercato. Prima dei 50 milioni versati per Texeitra, ad esempio, lo stesso Jiangsu Suning ne aveva già versati 28 al Chelsea per Ramires. Poi c’erano i 18 dell’HB China Fortun alla Roma per Gervinho; i 13 dello Shanghai Greenland Shenhua all’Inter per Guarin; i 19 dello Shanghai SIPG FC per Elkeson e naturalmente i 42 – record fino a mercoledì scorso – del Guangzhou Evergrande verso l’Atletico Madrid per Jackson Martinez.

Totale: 170 milioni di euro. Non male per un campionato fino all’altro giorno considerato minore, e dove giocatori di fama mondiale come i vari Drogba, Anelka o lo stesso Alberto Gilardino erano passati più che per lasciare "un segno", per prendersi l'assegno.

Le maxi spese dei club cinesi sarebbero state incoraggiate direttamente dal presidente Xi Jinping che, come risaputo, si è più volte dichiarato grande amante del calcio. Obiettivo il rilancio a livello internazionale dello sport che la storia vuole essere nato nel Paese del Sol Levante. Emblematica ad esempio era stata la sua visita lo scorso ottobre in Inghilterra, quando in una due giorni di incontri bilaterali con il Premier britannico David Cameron, si fece accompagnare a Manchester, sponda City, per dare uno sguardo più ravvicinato alla strutture e agli investimenti effettuati in questi anni, specie per il settore giovanile. Il più lesto di tutti a capire la situazione è Jorge Mendes. Dei 170 milioni di euro dei trasferimenti inizialmente citati, 92 sono arrivati per giocatori sotto tutela del portoghese. E se alla fine la Cina diventerà o meno una potenza del calcio a Mendes questo interesserà relativamente e la sua vela è ben ricca di vento e finché la barca va lasciala andare. (IT.EUROSPORT.COM)

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)


Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento