Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

venerdì 25 marzo 2016

Calcio. Lazio. Matri e Klose in partenza. Dubbio Biglia. C’è Torres

foto: uefa.com
In questi giorni il reparto offensivo è quello che desta le maggiori attenzioni della dirigenza biancoceleste. Ieri si è parlato di un possibile arrivo a Roma di Torres. Mentre si raffredda l’ipotesi Mihajlovic.

Per sostituire il partente Miroslav Klose in direzione Mls, c’è Fernando Torres dell'Atletico Madrid. L'attaccante spagnolo, classe 1984, ha raggiunto la veneranda età di 32 anni, ma - come riportava ieri ‘Il Corriere della Sera’ - potrebbe ancora lasciare il segno in Serie A.Infatti, la Lazio potrebbe presto offrire un contratto al calciatore che andrà in scadenza nel 2016. Per il momento, l'unico problema riguarda l'ingaggio visto che i 4 milioni di euro che percepisce lo spagnolo non è in linea con il tetto ingaggi della società capitolina. Si fa anche il nome di un altro ex Milan, Huntelaar. Di ritorno a Milano quasi per certo c’è Matri come sottolineato ieri da Tassotti a margine dell’ evento International Champions Cup. Gabbiadini è l’altro nome a cui il ds Tare sta pensando per il tridente offensivo. Il prezzo si aggira sui 15 milioni; potrebbe partire anche con un prestito con obbligo di riscatto fissato alla stessa cifra e che si potrebbe inserire nella trattativa Candreva.

Il dubbio atroce che attanaglia la dirigenza biancoceleste è se ripartire con e da Biglia. Il capitano, si sa, è osservato speciale di diversi club, ma la Lazio tenterà di convincerlo a rinnovare: come spiega l’edizione odierna de ‘Il Corriere dello Sport‘, sono già fissati alcuni meeting con l’agente Montepaone, atteso prossimamente a Roma. In caso di mancato accordo (ipotesi più che possibile), la dirigenza aprirà ad altre offerte. Reparto in cui piace Xhaka, Soriano, Valdifiori e Tielemans (classe '97, valore 12 milioni secondo 'Tranfermarkt.com') che all'Anderlecht non sta facendo rimpiangere Biglia .

Altro nodo da sciogliere è quello relativo alla panchina. 'Miha' - Lazio, un matrimonio che ancora non è dato sapere se ‘s’ha da fare’. Di sicuro l’ultima parola sull’addio, seppur probabile, del tecnico serbo al Milan a fine stagione spetta al presidente rossonero Silvio Berlusconi. Proprio quest’ultimo è intervenuto sulle frequenze di ‘Tele Radio Stereo’ e, stuzzicato sull’argomento dice: “Non ho mai dato giudizi negativi su Mihajlovic, sono i giornali che hanno fatto copia e incolla. Credo che in caso di vittoria del Milan sulla Juve in Coppa Italia, meriterebbe di restare allenatore. Mi sono solamente lamentato di vedere un Milan che non mi è piaciuto e non so quanto questo sia da attribuire all’allenatore o alla società che non ha saputo prendere i giocatori giusti. La colpa non è solo di Mihajlovic”.

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)

Megacalcio

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento