Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

domenica 20 marzo 2016

Calcio. Lazio. Pioli: “Si poteva fare di più. Mi servirà d’esperienza”


foto: 90min.com
Mea culpa Pioli: “Se i risultati sono questi. E’ chiaro che l’allenatore deve ammettere con onestà che poteva fare un lavoro migliore”. Intervenuto in conferenza stampa il tecnico biancoceleste ammette le sue responsabilità e mentre dice di rimandare le decisioni però tira le somme sulla stagione. Si parla poco di campo.

Si va subito sul tema più caldo e importante. Ovvero sul possibile esonero: “E’ chiaro che se i risultati sono questi. E l’allenatore - che è colui che allena e motiva - deve farsi un esame di coscienza. Deve ammettere con molta onestà, e sono onesto, che poteva fare un lavoro migliore. Errori sicuramente sono stati commessi. E’ stata una stagione complicata. Sono una persona alla quale non piace gettare la spugna, se comincia una cosa desidera portarla alla fine. Quindi mi prendo le mie responsabilità, ci metto la faccia, ma ho intenzione di finire. E ho intenzione di farlo con professionalità e con tutto l’orgoglio possibile. Credo che non sia ancora il momento di parlare della prossima stagione. Credo che anche il direttore Tare abbia detto prima della partita che ci sarà il momento in cui ci incontreremo ed esamineremo tutte le dinamiche e poi faremo il punto della situazione. E si tireranno le somme. In questo momento non sto pensando al mio futuro. Sto solo pensando a finire bene una stagione negativa,ma finirla bene, finirla con serietà.

Si continua ad analizzare l’annata e si punta il dito verso il gruppo. E i problemi che già da tempo si erano palesati: “Non credo che tutti i nostri risultati negativi siano dovuti da una mancanza di spirito, di mentalità,di compattezza. Credo che in tutti gli spogliatoi ci siano delle dinamiche difficili da gestire. E che poi spesse volte i risultati positivi o meno ti aiutano o ti complicano questa situazione. Credo che c’è stato un periodo, quello di novembre, dove abbiamo perso tante partite e non abbiamo avuto la mentalità giusta. E non posso dire che il problema sia la mancata compattezza e coesione tra di loro. Il problema è stata l’annata che è iniziata male, i risultati che non sono arrivati. Il problema sono stati gli infortuni. L’anno scorso abbiamo fatto qualcosa di veramente importante. Ma sapevamo che avrebbe portato difficoltà. Era difficile immaginare che quest’anno Milan e Inter senza coppe sarebbe arrivate ancora al settimo e ottavo posto. Sono l’allenatore e lavoro con il materiale a disposizione. Questa è una buona squadra. Sono deluso e i miei giocatori sono della stessa opinione. E dico che si poteva fare di più. Sicuramente mi servirà d’esperienza per migliorare e crescere ulteriormente. Adesso c’è da pensare che bisogna finire il campionato nel migliore dei modi”.

Non mi sento tradito e sono ancora convinto di allenare una buona squadra. Le responsabilità ovviamente sono di tutti. E le cose negative si sono accumulate. Un conto è lavorare in una stagione dove i risultati arrivano e c’è entusiasmo e un conto quando le aspettative erano molto alte e non siamo riusciti a sostenerle. Una volta sono stati errori indi duali una volta sono stati errori di reparto. E sicuramente ci hanno condizionato tanto. E ci hanno condizionato anche giovedì sera”. In chiusura qualche accenno alla gara contro il Milan di stasera. La formazione dovrebbe essere questa: LAZIO (4-3-3) - Marchetti; Patric, Mauricio, Hoedt, Braafheid; Parolo, Biglia, Lulic; Candreva, Matri, Felipe Anderson.

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)

Megacalcio

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento