Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

venerdì 17 marzo 2017

Etna in eruzione? Viaggio nel Mediterraneo.

Foto: Corriere.it
Ecco un altro itinerario di viaggio che vi proponiamo. Partenza obbligata la Campania. Passando per Sicilia, Malta, Tunisia, Grecia e ritorno in Salento.

È Napoli la naturale partenza per un viaggio nel meridione. Iniziamo da Pompei dove il tempo si è fermato al 79 dc. Quando il Vesuvio eruttando sommerse tutto imbalsamando di magma la vita e la città, com'era in quel momento. Caserta e la sua Reggia sono il nostro successivo stop. Magnificenze transalpine e monarchiche, di tempi apparentemente superati. Qualche giorno di riposo al mare, tra i colori della Costiera Amalfitana. Immergendoci nei sapori di una tavola ricca di suggestioni fruttate. Perdendoci tra limoncello, sfogliatelle, babà, pastiera, ecc. Oltre ovviamente a pizza e pasta che non possono mancare.

La Valle dei Templi ad Agrigento, scenari favolosi. Foto: toruingclub.it
Da Napoli ci spostiamo direttamente in Sicilia passando per la Calabria. Per entrare in clima Magna Grecia, sosta a Reggio Calabria nel museo dove sono conservati i Bronzi di Riace. Attraversiamo lo stretto di Sicilia, se volete anche a nuoto ma attenzione alle correnti. Arrivati a Catania, passiamo per Taormina, andiamo ad Agrigento e ci godiamo il magnifico scenario della Valle dei Templi. Poi via Siracusa ci dirigiamo a Palermo. Siamo in pieno Mediterraneo. Da qui ci imbarchiamo per Malta, dove è impressionante il modo in cui le culture si siano sovrapposte nel tempo. Dopodiché programmiamo una giornata a Tunisi e ci perdiamo tra gli odori speziati dei numerosi mercati presenti. Andiamo poi in Grecia a Mikonos, meta turistica sempre più richiesta dalle generazioni più giovani e non solo.

La bella Lecce, capitale del Salento.
Qualche giorno di riposo e torniamo nel Bel Paese, a Lecce. Capitale del Salento, anche conosciuta come Firenze del Sud per la sua rinomata vocazione culturale. Siamo in una terra in cui regnano le arti e soprattutto la musica. Facciamo in modo di arrivare l’ultimo venerdì di agosto. Quando è programmata la c.d. Notte della Taranta. Evento che negli ultimi anni ha attratto attenzioni internazionali importanti. Qui la presenza greca è forte. Ancora molte sono, infatti, le località dove si parlano dialetti più vicini al greco che all’italiano. E dove ancora esistono tradizioni e consuetudini assolutamente senza tempo.


di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento