verdericaricabile.it - il numero verde 800 ricaricabile

domenica 14 gennaio 2018

Elezioni infinite. Caos Figc. Spunta Claudio Lotito


foto: calciomercato.com
Sono attese per stasera le candidature ufficiali per le cariche federali. Manca però il largo consenso per il candidato unico. Pronti Gravina, Sibilia e Tommasi. C'è anche Lotito. 'Gazzetta dello Sport'.

Via Rosellini promette di fare da traino a tutto il movimento calcistico. Si sciorinano programmi, proclami e quant'altro. Ma a una settimana, circa, dal voto la spaccatura in seno alle varie componenti del calcio italiano è più che evidente. Il Presidente Tavecchio venerdì al termine dell'ennesima, estenuante, giornata si presenta davanti alle telecamere e dichiara: "L'assemblea non si è pronunciata su una candidatura a Presidente della Figc né su un'alleanza".

A regnare è il caos più totale. Situazione nota ai più, che va avanti, peraltro, da tempo. E sono molti a ipotizzare il c.d. commissariamento della Figc. Perché se non sarà possibile eleggere il governo del calcio, in qualche modo bisognerà mandare avanti il 'baraccone'. Molti club, sebbene silentemente, sarebbero d'accordo con tale ipotesi. Ma il vero nodo da sciogliere è sullo Statuto, sulle norme e tutto il condimento che regola la politica del calcio, ormai datato.

Oggi scadono i termini per la presentazione delle candidature. Restano in campo Gravina, acclamato dall'assemblea della Lega Pro. Lo stesso Sibilia designato all'unanimità dai 90 delegati della Lega Nazionale Dilettanti e Damiano Tommasi dell'AIC. Nonché Claudio Lotito che, tecnicamente, avrebbe le firme per candidarsi, appoggiandosi in qualche maniera al 34% dei Dilettanti e quindi a Sibilia. Nonché alle restanti componenti che valgono il 29%(Lega B: 5%, AIA: 2%; Allenatori: 10%, Serie A: 12%)

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento