verdericaricabile.it - il numero verde 800 ricaricabile

domenica 17 giugno 2018

#Famostostadio...Il punto della situazione


Pioggia di arresti su società e collaboratori che stavano progettando il nuovo stadio della Roma a Tor di Valle. Mazzette a politici, rischia anche il M5S.

La storia del c.d. 'Nuovo Stadio della Roma' si arricchisce di colpi di scena. I vertici giallorossi sono scioccati dalla vicenda. Peraltro il ds Monchi aveva iniziato una campagna acquisti con nomi altisonanti, sebbene giovani. In ginocchio il Presidente Pallotta che dello Stadio faceva un punto fermo del suo programma. "Se non riesco a fare lo stadio lascio" aveva detto James Pallotta qualche tempo fa alla 'Corriere della Sera'.

Bustarelle al Campidoglio. Quando si calcano certi ambienti non contano i colori politici. Il malaffare ormai è radicato nel sistema politico italiano. E più si va nel dettaglio delle problematiche e quindi nel locale e più si ha a che fare con flussi vivi di denari. Anche perché per realizzare e costruire, difficile si riesca con le sole parole. Fatto sta che ad oggi risulta una lista imponente di indagati. Come riferisce 'Ansa.it' sarebbe il focus si sarebbe spostato sul super-consulente Lanzalone facente capo proprio al M5S. L' ex dirigente dell'Atac stava provando a mettere dentro al progetto sue persone di fiducia. Ci sarebbero anche voci sull'attuale Presidente del Coni. Malagò avrebbe infatti chiesto un posto anche per il cognato.

Corruzione dilagante. Quando ci sono in ballo tanti denari, chi può si fa sotto. E come riporta 'Corriere.it' di ieri però il costruttore Parnasi, probabilmente, perché non vedeva il progetto avanzare, aveva iniziato a estrarre denari. Ci sarebbe anche un patto illecito con il Mibact (il Ministero dei Beni Culturali). Così come ci sono finanziamenti di un fondo facente capo al PD. Insomma, tutti ormai avevano capito l'irrealizzabilità del progetto e si è andati alla conclusione a 'tarallucci e vino'. Ma non si escludono ulteriori colpi di scena.

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento