Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

martedì 13 ottobre 2015

Calcio. Media. Diritti Tv: fari puntati su Infront | Foto Sport Notizie



La società internazionale di stanza in Svizzera e capitanata dal colosso cinese Dalian Wanda è accusata in Italia di aiuti sospetti alle società e turbativa d’asta.

L’arresto di Andrea Baroni può scatenare un effetto domino sul calcio italiano: accusato di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio, il fiscalista avrebbe avuto tra i suoi clienti Margo Bogarelli e Riccardo Silva, rispettivamente di Infront e MP&Silva. Sembra più che una coincidenza, secondo La ‘Gazzetta dello Sport’, il fatto che la Guardia di Finanza abbia perquisito le sedi delle due società e le abitazioni dei dirigenti Mediaset e Rti proprio nel girono dell’arresto di Baroni.

Il primo filone dell’inchiesta punta al cuore della Serie A: secondo la Procura di Milano, Infront avrebbe pilotato il bando dell’assegnazione dei diritti tv a favore di Mediaset. Questa questione s’incastra con l’istruttoria aperta dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato, secondo cui Mediaset e Sky avrebbero raggiunto un accordo segreto per spartirsi partite e fette di mercato.

L’istruttoria è ancora in corso e si concluderà entro il 30 aprile 2016. La Procura sta indagando anche su un altro possibile reato: ostacolo all’attività degli organi di vigilanza. Pare che alcune società abbiano truccato i propri bilanci per evitare che la Covisoc ne impedisse l’iscrizione al campionato. Nel mirino Genoa e Bari per possibili finanziamenti occulti. Il sospetto dei pm è che siano stati fatti da Infront. Nel primo caso si parla di 15 milioni di euro versati in 3 anni ad Enrico Preziosi attraverso una società svizzera, per il club pugliese invece si parla di 460 mila euro per la sponsorizzazione della seconda maglia.

di Foto Sport & Notizie (izerbesi@yahoo.it)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento