Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

domenica 23 agosto 2015

Società. Ecco la vacanza degli italiani | Foto Sport Notizie


Foto: ANDREAS SOLARO/AFP/GettyImages
Rispetto alla scorsa estate sono 2 i milioni di vacanzieri in più. Diminuiscono però i giorni e il budget a disposizione. Meta preferita il sud.

Gli italiani tornano in vacanza. Due anni fa i connazionali partiti per l’estate erano stati 26,8 milioni. Nel 2014 la cifra era cresciuta fino a 28 milioni. Secondo i dati presentati da Federalberghi, a concedersi un viaggio da giugno a settembre di quest’anno saranno almeno 30,4 milioni di italiani. L’8,6 per cento in più dell’anno scorso. Se sale il numero di vacanzieri, diminuisce la spesa. Stando ai dati di Federalberghi le villeggiature sono diventate più brevi. Nel 2014 la durata media di un viaggio era di nove notti, mentre quest’estate è passata ad otto. Una tendenza fotografata anche dalle indagini di Confesercenti e Swg. Dal 2007 a oggi la durata media si è ridotta di circa sei giorni. Cambia la società, cambia il modo di andare in vacanza. E così nel giro di qualche anno sono cresciute le ferie lampo: quelle che durano meno di una settimana che sono passate dal 32 al 41 per cento.

Le mete preferite degli italiani è l’Italia stessa. Complici crisi internazionali varie, terrorismo e difficoltà economiche, tornano di moda le ferie nelle località nostrane. Secondo una recente rilevazione di Confartigianato, il 52 per cento delle famiglie avrebbe optato per vacanze nelle regioni italiane. Federalberghi parla di ferie nel Bel Paese per almeno 25 milioni di connazionali: oltre l’80 per cento di chi è già partito o partirà nelle prossime settimane. E le mete preferite restano le località marine, soprattutto del Meridione.

«Dopo le notizie dei giorni scorsi che hanno enfatizzato dati drammatici sulla irrisoria crescita del Mezzogiorno d’Italia - ha spiegato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca - “vedere che il 48 per cento degli italiani stia scegliendo per le proprie ferie estive soprattutto le regioni del Sud, quale punto nevralgico del riscatto di un’intera area geografica, ci rafforza nel convincimento che il nostro Paese ha ancora tante doti turistiche da valorizzare per una crescita economica ed occupazionale che vanno incentivate per diventare il volano della ripresa». Le regioni più ambite? Calabria, Puglia e Sardegna attraggono il dieci per cento della domanda ciascuna. Ma la meta preferita, almeno secondo le stime di Federalberghi, è la Sicilia, pari al 18 per cento. (linkiesta.it)

di Foto Sport & Notizie (izerbesi@yahoo.it)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento