Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

lunedì 8 febbraio 2016

Calcio. Lazio. Scalpita Biglia. Tare:”I Buu non erano per la società”


foto: lazionews.eu
La formazione biancoceleste si prepara per la gara di giovedì contro il Verona. Si rivedono in gruppo Onazi e Kishna. Scalpita Biglia. Le parole di Tare.

La squadra è tornata ad allenarsi a Formello ieri alle 10.30. Si sono visti solo 8 giocatori in campo, quelli non impiegati al Marassi e quelli che sono entrati nel corso del secondo tempo: si rivedono in gruppo anche Onazi e Kishna, mentre oggi dovrebbero tornare anche Bisevac, Radu e Candreva (ieri ha svolto solo lavoro differenziato). Per il resto della squadra solo un lavoro in palestra, mentre Patric e Parolo si sono limitati a una corsa leggera intorno al campo da gioco. La ripresa è fissata per domani pomeriggio.

Lucas Biglia come fa sapere ‘IlCorriereDelloSport.it’ corre verso il recupero, provando ad anticipare i tempi. Ha ripreso la preparazione in modo differenziato e cercherà di forzare per tornare a disposizione (almeno per la panchina) già dall'anticipo di giovedì nell'anticipo della Lazio col Verona. Lo staff medico frena, per prudenza si pensa a riportarlo in campo per i sedicesimi di andata di Europa League con il Galatasaray a Istanbul. Tra oggi e domani Pioli prenderà una decisione. Vale a dire o forzare i tempi per averlo contro il Verona o attenderlo per la sfida con i turchi.

E’ evidente che i fatti della gara di mercoledì scorso ancora sono vivi. Il direttore sportivo Igli Tare ai microfoni di 'Premium Sport' aveva avuto modo di fare chiarezza e sulle dichiarazioni di Pioli e sugli altri temi sul tavolo: “C’è ancora tempo per raggiungere i nostri obiettivi? Il tempo c’è, ma la classifica è quella che è. Il percorso è difficile, finché c’è la matematica noi ci dobbiamo essere. Cori discriminatori e squalifica dell’Olimpico? I “Buu” non credo siano contro la società, siamo solitamente abituati ad altri cori. Si tratta di situazioni che non devono succedere in nessuno stadio del mondo, figuriamoci a Roma. Prendiamo le distanze da ciò, è una cosa che va combattuta. La tifoseria laziale non è quella che si descrive, noi abbiamo giocatori neri che hanno un rapporto bellissimo con la tifoseria. Vedendo la partita di mercoledì il Napoli mi ha ricordato la Lazio dell’anno scorso. Noi abbiamo perso continuità e certezza nel nostro gioco. Ci sono state assenze pesanti, sarebbero potuti essere giocatori utili. Dovremmo riacquistare la consapevolezza di essere una grande squadra”.

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)


Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento