Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

mercoledì 23 settembre 2015

Calcio. Stadio di Tor valle su binario morto | Foto Sport Notizie



foto: pagineromaiste.com
Lo scontro sulla mobilità al Comune di Roma sta portando il progetto dello Stadio su un binario morto.

Martedì nell’incontro che ha lanciato l’Osservatorio sullo Stadio della Roma si è assistito a una «giornata dei lunghi coltelli». Erano presenti tutti i soggetti interessati: a partire dall’Assessore all’Urbanistica Caudo ai progettisti, le istituzioni e i movimenti di cittadini. Che sono finiti in uno scontro tutti-contro-tutti.

Il paletto che pare davvero insuperabile è quello relativo alle modalità con cui il pubblico dovrà raggiungere lo stadio. «La delibera dice che lo stadio può aprire se il 50% delle persone arriva con i mezzi pubblici cioè se non ci sono 16 treni l’ora (uno ogni 3 minuti e mezzo) lo stadio non apre – afferma sibillino Caudo - La delibera capitolina stabilisce che in modo prioritario questo dovrebbe realizzarsi col prolungamento della linea B della metropolitana. Se in fase di conferenza di servizi decisoria, a seguito del parere gestionale espresso da Atac, si dovesse prevedere l’opzione di aver questo livello di servizio solo sulla tratta Roma - Lido, automaticamente si disobbliga dal prolungamento della B e la Regione si fa carico di garantire i 16 treni l’ora su quella tratta»

La risposta di Stefano Esposito non lascia adito a interpretazioni: «Prima pensiamo a far funzionare le corse di tutti i giorni. Lo stadio della Roma è una grande opportunità, ma ora le priorità sono altre. La preoccupazione di tutti ora è quella di avere corse puntuali poi discuteremo nel dettaglio anche della frequenza e dello stadio. Ognuno faccia il proprio mestiere» - tuona l’Assessore alla Mobilità. Per non parlare dei dubbi espressi da Legambiente e Italia Nostra tutt’altro che convinti dell’opera dal punto di vista ambientale e idrogeologico. (Il Tempo)

di Foto Sport & Notizie (izerbesi@yahoo.it)

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento