Remax Intemporal II
IMAGE-3 IMAGE-2 IMAGE-5 IMAGE-4 IMAGE-6 IMAGE-7 IMAGE-1

venerdì 22 gennaio 2016

Calcio. La Lazio all’Istituto ‘Rodari’ | Foto Sport Notizie

A rispondere le domande ci sono Guerrieri, Cataldi e Klose. A Klose i bambini chiedono quanti gol hai fatto in carriera: “Quest’anno ne ho fatti zero. In carriera non mi ricordo. Ne ho fatti un po’”. Mentre Cataldi gli ricorda che è il capocannoniere del Mondiale.

Ad accompagnare la bella iniziativa c’è come sempre l’Aquila Olimpia la vera attrazione per i tutti i bambini presenti. “Quando sono giovani queste aquile hanno colori diversi. Nasce col manto completamente bruno. Poi testa e coda diventano sempre più bianche. Olimpia è giovane perché ha 11 anni e aquile come questa vivono 80 anni” – dice Juan Bernabé.

I bambini si alternano in blocchi. Il primo blocco riunito nell’aula magna dell’ Istituto Comprensivo ‘Gianni Rodari’ di Formello non nasconde la grande curiosità davanti ai giocatori biancocelesti presenti. I bambini chiedono come avete iniziato a giocare e dove avete imparato. Cataldi dice: “Ho iniziato nella piccola squadra di quartiere e ancora prima giocavo con i miei amici dove capitava: per strada, nei parchi, ecc.”. Guerrieri dice: “Gioco nella Lazio da quando ho 6 anni e sono cresciuto qui”.

A Klose chiedono la differenza tra tifosi italiani e tedeschi. “Se vediamo il calcio la differenza fondamentale è la tattica. In Italia le prime tre squadre hanno comunque lo stesso livello”. Gli chiedono se litigano poi. “Giochiamo a calcio e ci alleniamo tutti i giorni insieme e quindi ogni tanto ci sta di litigare. Quando scendi in campo c’è sempre il confronto. E vanno dimenticate subito le controversie”. Sempre Klose: “Ho iniziato tardi a giocare avevo 13 anni. Inizialmente facevo il carpentiere perché i miei genitori mi avevano chiesto di imparare un mestiere, non si sa mai. Visto che sono nato in Polonia. Poi sono passato al Kaiserslautern e ho iniziato a giocare in Bundesliga”.

di Foto Sport & Notizie (fotosportnotizie@gmail.com)


Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento